Giuseppina e Giorgio: “ad Assisi alla ricerca di qualcosa”

 

Giusi responsabile delle risorse umane, appassionata di arte e divoratrice di libri, Giorgio, giornalista e aspirante libraio. queste le loro parole:

“Sono arrivata ad Assisi alla ricerca di qualcosa, e per lasciare un po’ della zavorra che la vita mi ha messo sulle spalle. Ho un rapporto complicato con la fede, e quindi il mio non è stato un pellegrinaggio verso qualcuno, ma verso la mia anima alla ricerca di quella pace interiore che anche se dura un istante ti permette di vedere con chiarezza ciò che sei, e ciò che vuoi davvero.

Francesco o chi per lui l’hanno fatto questo piccolo miracolo. E’ domenica sera e da poche ore sono tornata a casa, e mi sono resa conto che forse per la prima volta nella mia vita ho chiesto aiuto a qualcuno che è vissuto 800 anni fa nella convinzione reale di essere ascoltata. Avevo bisogno di fare silenzio nella mia testa troppo piena di rumori e pensieri inutili, e colma dell’enorme dolore che il terremoto del centro Italia, così vicino a me e nel contempo così lontano per l’impotenza delle mie mani che nulla possono fare per togliere la polvere ed asciugare le lacrime da quei visi.

Già arrivati all’Eremo qualcosa è scattato. Finalmente il silenzio, la pace, gli alberi, il sole, le farfalle: il cantico delle creature che vale sempre sia che si sia credenti, sia che non lo si sia.

Poi Assisi, le sue stradine, la sua storia, la sua bellezza mai fine a se stessa e la capacità dei suoi abitanti che hanno evitato di trasformare un luogo prezioso in un barraccone di avanspettacolo

Esattamente come hanno fatto Daniela ed il suo compagno con il loro b&b: nulla di ostentato, nulla di più di ciò che è necessario, l’essenziale che serve a vivere al meglio il dono della vita. Per il superfluo non c’è posto ad Assisi e neppure nella sua Corte.

Il pomeriggio passato nella basilica che ti viene raccontata da un frate che ama l’arte, la cripta di Francesco dove finalmente non si vede un corpo imbalsamato, ma l’essenza di una vita improntata al dono di sé. E la mia strana, irrazionale richiesta d’aiuto non lo so se al santo o all’uomo o ad entrambi.

La sera passata nella Corte, nel suo silenzio, con l’uomo che ho scelto, mangiando cibi essenziali: del pane, del companatico, una birra.

L’alba nell’Assisi silenziosa consigliataci dalla nostra ospite, il canto delle suore che hanno votato a Dio la loro esistenza, e poi i saluti e la ripartenza con l’obbiettivo di raggiungere la Porziuncola, dove però la grazia di Francesco nulla ha potuto contro un papa che ha deciso di tagliare alberi e rinchiudere l’essenza di Dio e Francesco in una chiesa brutta ed inutile.

E’ stata snaturata la Porziuncola e qui è si è presentato per la prima volta in questo viaggio il luna park della fede, che fede non è, è solo superstizione. Credo che Francesco si sarebbe arrabbiato parecchio nel vedere ciò che è stato fatto alla sua piccola chiesa in campagna, per fortuna però quel piccolo momento di pace non si è interrotto, ed ora sono qui a scriverne.

Grazie alla Corte di Assisi per aver aggiunto il suo tassello nella costruzione di questo instante così prezioso”.

Giusi e Giorgio

Carlo e Maria Grazia: “nuova esperienza improntata sull’ecosostenibilità”

Carlo ex banchiere e MariaGrazia professoressa di lettere di Mesero, vicino Milano, una coppia delicatissima, rispettosa e sorridente.

In giro per l’Italia, tra Umbria ( Assisi e Spello) e Toscana (San Gimignano), alla ricerca di silenzio, buon mangiare e luoghi speciali.

Queste le loro parole:

“Grazie di tutto!!

dell’ospitalità, della gentilezza, dell’accoglienza.

In bocca al lupo per questa nuova esperienza improntata all’ecosostenibilità; decisione coraggiosa ma che con il tempo darà frutti!

Siamo arrivati ad Assisi la mattina dopo delle scosse notturne, abbiamo trovato una città un po’ in sospeso ma, nel giro di poche ore, tutto è tornato alla normalità:

l’armonia e lo spirito francescano hanno riempito lo spirito di fiducia e speranza.

Tanti in bocca al lupo

Maria Grazia e Carlo”

Francesca e Marco: da Torino ad Assisi in Triump

“Essere stati ospiti della Residenza La Corte e’ stato un vero piacere per noi. E’ stata l’accomodation ideale del nostro viaggio in moto. Sistemazione in centro ad Assisi logisticamente perfetta, di assoluto charme e di accoglienza impeccabile. Il buon gusto, la cura, e l’attenzione di Daniela e Giulio, ci hanno avvolti rendendo il nostro soggiorno indimenticabile”

Francesca e Marco”

Massimiliano e Giovanni: addetto alle risorse umane e designer

Questo il loro pensiero su di noi:

“È stato un vero piacere soggiornare in questa residenza, nel pieno centro storico di Assisi. Daniela è un’ottima padrona di casa e ci ha fatto sentire i benvenuti da subito, fornendoci anche preziosi consigli sulla città.  La stanza dallo stile minimal contemporaneo era perfetta per le nostre esigenze.
Grazie Daniela per la tua disponibilità.
Un caro saluto
Massimiliano e Giovanni”

 

Carlo, Natalia e la piccola Caterina: una trasparente brocca di acqua fresca semplicemente ispira cura, attenzione e bellezza

questo il loro pensiero dopo qualche giorno trascorso da noi:

 

“Non è sempre facile tradurre a parole le emozioni e le sensazioni; certamente le custodiamo nel nostro cuore come la tua dimora dolce, Daniela, dove l’estate si disseta e la mente si sveste delle preoccupazioni del quotidiano per riposare tra la ricercata semplicità che ci offre una corte amorevole, dove una trasparente brocca di acqua fresca semplicemente ispira cura, attenzione e bellezza.

Un grazie sincero per il tuo lavoro ed impegno che trasuda in ogni dove dalla tua splendida corte.

Con stima e gratitudine.

Continua ad educarci alla bellezza!

Carlo, Natalia e la piccola Caterina”

Elisabetta e Ottavio: Residenza la Corte, appena ristrutturata con design minimal ma curato con grande gusto

IMG_6862

Questo sotto è il commento di Elisabetta, una giovane e bella avvocatessa e Ottavio, un bancario:

“Location centralissima in Assisi, appena ristrutturata con design minimal ma curato con grande gusto e cura per i particolari. La proprietaria Daniela trasmette la sua aura positiva con tutte le attenzioni che dedica agli ospiti rendendo molto piacevole l’esperienza dal momento dell’accoglienza a tutta la permanenza …

Elisabetta e Ottavio”

Uno splendido luogo ad Assisi

Eleonora e Simona
Eleonora e Simona

Cara Daniela e Giulio,

vi facciamo un grande in bocca al lupo per questo vostro nuovo progetto dove trspare tutto il vostro amore e la vostra disponibilità.

Forza! Come inizio siete sulla buona via! La genuinità e la semplicità sarà al vostra vittoria, insieme alla pace e alla spiritualità che caratterizzano Assisi.

 

Grazie!

Eleonora e Simona

l lusso della semplicità.

IMG_6832
“Nonché una semplicità elegante, sostenibile e a tratti nostalgica. Meravigliosa esperienza in questa residenza suggestiva, nuova ma che profuma di ricordi di una volta, di una vita fatta di poco ma ricca di istanti significativi e preziosi. Ho avuto la fortuna ed il piacere di vedere più di una stanza, e non sarei in grado di scegliere la mia preferita. Quasi casualmente la nostra scelta è ricaduta sulla Stanza Blu, freschissima sia di giorno che di notte. La sua semplicità e austerità non devono ingannare: tutto, come del resto ogni spazio comune della residenza, è studiato e curato nei minimi dettagli. Gli oggetti che popolano ed impreziosiscono gli spazi sono oggetti di casa, pezzi ormai unici che tutti abbiamo amato nelle case dei nostri nonni. Ritrovarli qui è rassicurante, fa bene all’anima e per un po’ ci insegna che in fin dei conti siamo capaci di dimenticarci di molti degli inutili oggetti che abbiamo a casa.. E, non da ultimo, che il vero lusso non è uno schermo piatto o il frigobar fornito in camera ma è sentirsi a casa lontani da casa.
Grazie Daniela, per due meravigliosi giorni siete stati capaci di farci sentire davvero Felici in tutto e per tutto.
Elisabetta e Nicola (Verona)”